CODICI E MISTICISMO A FOLIGNO

Fino al 6 gennaio 2013 Foligno rende omaggio alla figura della grande mistica Angela da Foligno con una mostra che in Palazzo Trinci illustra l’esperienza religiosa della Beata sia attraverso le varie immagini del Cristo crocifisso che ne accompagnarono il percorso di avvicinamento a Dio, sia con i più antichi manoscritti medievali del suo Liber, il testo con cui Angela volle trasmettere ai posteri il racconto della sua straordinaria vicenda spirituale. Una vicenda in cui l’arte ha un posto molto importante, perché visioni ed estasi, che in altri mistici e mistiche prendono spesso l’avvio dall’incontro con un dipinto o una scultura, in Angela danno luogo a un tragitto spirituale di eccezionale, inconfondibile intensità. La figura che più spesso stimola la sua immaginazione, con esiti visionari impressionanti, è quella del Cristo crocifisso, illustrata in mostra da dodici opere scalate fra il secolo XII e gli ultimi anni del Duecento. Non meno illuminante la presenza dei manoscritti, che malgrado la loro apparenza modesta e ordinaria (per quanto si possa considerare ordinario un oggetto di per sé unico come ogni manoscritto medievale), sono chiamati a recitare la parte dell’indicibile evocato dal titolo della mostra. I codici esposti, infatti, per quanto dimessi e poco appariscenti, ebbero la cruciale funzione di divulgare il racconto, redatto dal francescano Frater A, dell’esperienza mistica vissuta da Angela, riuscendo eroicamente a trasmettere la storia, narrata in presa diretta, di una donna che vede e incontra e si inoltra in Dio anche durante il papato di quel Giovanni XXII (al secolo Jacques de Cahors) che aveva osato affermare che nemmeno i beati nella schiera celeste potessero godere della beatifica visione di Dio (e dunque guardarlo direttamente), se non nel giorno del Giudizio universale.

La mostra: Dal visibile all’indicibile. Crocifissi ed esperienza mistica in Angela da Foligno.

Dove: Foligno, Palazzo Trinci.

Quando: Fino al 6 gennaio 2013.

Info: www.comune.foligno.pg.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *