IL NUOVO MUSEO DEL LIBRO DI BRUXELLES

 

Aggirandosi tra le vetrine di Librarium, il nuovo museo del libro recentemente inaugurato a Bruxelles, chi ama il libro non tarda a rendersi conto che nonostante l’avvento dell’e-book, la storia di questo nostro prezioso, insostituibile compagno cartaceo (o pergamenaceo) è tutt’altro che conclusa. Inserendosi in un più ampio progetto di valorizzazione della Bibliothèque royale de Belgique, Librarium non si chiude peraltro nei confini della storia del libro in Belgio, ma estende il raggio dei suoi interessi alla cultura scritta dell’intera civiltà umana, attingendo dalle cospicue dotazioni della biblioteca materiali di grande valore storico, scientifico e documentario. Attorno a uno spazio centrale di notevole effetto scenografico, il Tourbillon des mots ideato dall’artista Isabelle de Borchgrave, si dipana così un percorso cronologico e tematico di particolare suggestione, articolato attorno ai versetti di un’epigrafe che fa da filo conduttore dell’intera esposizione: “Des sociétés humaines naît une pensée,/ exprimée par l’écrit, / véhiculée par un support matériel / et figurée par l’image / pour passer d’un auteur à un lecteur. / Elle sera conservée dans des lieux de mémoire / où s’organiseront les savoirs / afin de faire éclore une pensée nouvelle…”.

 

Dove: LIBRARIUM, Bibliothèque royale de Belgique, Mont des Arts, Bruxelles, www.kbr.be

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *