L’INDIA DI FRANCESCA GALLOWAY TRA SACRO E PROFANO

Sacro e profano, dei e uomini, le imprese dei numerosi protagonisti dell’Olimpo indù e le vicende degli umani soggetti alla loro mutevole volontà si intrecciano spesso nell’arte indiana, rispecchiando quello stretto rapporto tra la dimensione spirituale e la più terrestre materialità che permea da sempre la religiosità del subcontinente indiano. A queste due fondamentali valenze dello spirito indiano, che richiamano analoghi intrecci della classicità greco-romana, Francesca Galloway ha voluto abbinare un’altra tipica peculiarità della mentalità indiana: il gusto per la scoperta e l’esplorazione, l’avventura e il commercio, quella volontà di riscatto dalla penuria e dalla fame che nei secoli ha dato vita, in ogni parte del mondo, a innumerevoli colonie di infaticabili mercanti. In occasione di Asian Art in London, la consueta manifestazione autunnale che vede protagoniste le gallerie antiquarie londinesi specializzate in arte asiatica, Francesca Galloway ha voluto dedicare a questi tre spunti tematici una bella mostra di miniature, oggetti d’arte e tessuti. Come dire, gli “articoli” che da sempre hanno affascinato il visitatore e il collezionista occidentale, dando vita nel Vecchio Continente a una consistente “colonia” di esperti, amatori e studiosi specializzati.

Mostra: The Divine and the Profane: Gods, Kings and Merchants in Indian Art.

Dove: Francesca Galloway Ltd, 31 Dover Street, Londra.

Quando: 1-30 novembre 2012.

Sito: www.francescagalloway.com

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *