PICCOLA GRANDE EUROPA

L’industria del libro in Europa è poca cosa. Fatturati a volte interessanti ma lontani anni luce dai grandi numeri dell’energia, della finanza, delle telecomunicazioni, dell’automobile. Qualche best-seller conteso a centinaia di milioni che a malapena tampona le falle di migliaia di titoli che non vendono neppure una copia. Fiere del libro in cui migliaia di imprenditori e di operatori del settore tengono testa coraggiosamente alle minacce degli altri media, celebrando ogni anno con una punta di snobismo l’antico rito della lettura. In questo panorama ricco di luci e di ombre, l’editoria facsimilare è una goccia nel mare, una nicchia di mercato cresciuta in Italia negli ultimi anni a ritmi piuttosto sostenuti ma ancora spesso riguardata, anche dagli addetti ai lavori, con una certa sufficienza se non proprio con sospetto. Eppure, a pensarci bene, è proprio qui, in queste riproduzioni ormai pressoché perfette di antichi codici miniati, che il Vecchio Continente può riconoscere non solo il vertice assoluto della sua industria editoriale, l’apice di secoli e secoli di arte del libro, ma le radici stesse della sua identità storica e culturale. Amanuensi che diffondono tesori di sapienza scambiandosi i manoscritti per copiarli. Monasteri e università che custodiscono gelosamente per secoli i frutti dell’ingegno umano, consegnandoli ancora intatti alla nostra e alle future generazioni. Principi e sovrani che accumulano tesori miniati per bearsene personalmente o per mostrarli agli altri potenti della terra. Le origini della scienza, le grandi pagine della storia, i pilastri della fede vergati e illustrati con pazienza e maestria su annose e fragili pergamene. Insomma, un giacimento d’arte, di bellezza e di sapere che riaffiora dalle nebbie del Medioevo e dai lontani fulgori del Rinascimento per offrirsi alla nostra ammirazione e allo scrutinio degli specialisti con tutta la straordinaria portata di opere d’arte davvero “totali”. Tutto questo, e molto di più, è oggi l’editoria facsimilare. Un piccolo, prezioso tassello di identità comune su cui l’Europa può contare per costruire il proprio futuro.

 

 

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *