CONIGLIETTI PASQUALI MEDIEVALI

Prima di diventare l’animale simbolo della Pasqua, lepri e conigli hanno popolato le pagine dei codici medievali. Molto spesso con intenti bellicosi.

.

Simbolo di rinascita già nell’antichità, il coniglio è associato alla Pasqua fin dai primi secoli dell’era cristiana.

Come scrisse sant’Ambrogio, l’animale alludeva alla doppia natura di Cristo – divina e umana – per via del suo manto che da bruno diventa bianco nella stagione invernale: un riferimento alla Resurrezione che nel corso del Medioevo rimase in secondo piano, per affermarsi definitivamente solo a partire dal XV secolo nelle aree di cultura tedesca.

Prima di allora conigli e lepri avevano ben poco di pasquale – almeno nell’iconografia – ed erano rappresentati con significati molto diversi.

Per via della nota prolificità dell’animale, una delle simbologie del coniglio era quella della fecondità e della lussuria, che ne faceva un attributo di Venere, comparendo spesso nelle raffigurazioni di coppie di amanti.

Al di là delle rappresentazioni simboliche, il coniglio non manca mai nei codici dedicati all’arte venatoria, come nel Libro della Caccia di Gaston Phoebus….

… e naturalmente nei testi enciclopedici, come i bestiari.

Conigli e lepri popolano spesso i margini dei manoscritti miniati: diffusissima è l’immagine dell’animale inseguito dal cane da caccia.

Un altro filone tematico utilizza l’animale come figura antropomorfa per renderlo protagonista di scenette dal sapore grottesco e fantastico.

Ecco dunque i conigli impegnati in duello…

… pronti a respingere un assedio…

… in processione…

… o intenti a suonare uno strumento.

Con un effetto di ribaltamento comico, da preda braccata il coniglio si trasforma in cacciatore…

… e arriva persino a sconfiggere i suoi nemici: la vendetta inizia dai cani da caccia…

… e prosegue con la cattura del cacciatore umano…

… che può essere decapitato con un colpo di spada…

… oppure allegramente cucinato allo spiedo.

E se questi coniglietti killer non vi sono bastati, ecco una gallery con alcuni notevoli leprotti miniati.

.

Commenti

commenti

2 Comments

  1. 23 aprile 2014 at 12:26 · Rispondi

    Interesantissimo! Grazie e buona Pasqua!

  2. 28 agosto 2014 at 18:27 · Rispondi

    Molto interessante! La nostra associazione si occupa di laboratori didattico educativi per ragazzi basati sulla scoperta della simbologia medievale in tutte le sue manifestazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *