FIRENZE, LA STANZA SEGRETA DEI DISEGNI DI MICHELANGELO

Si trovano in una stanza segreta, inaccessibile al pubblico, sotto la Sacrestia Nuova della basilica di San Lorenzo a Firenze: disegni a carboncino realizzati da Michelangelo nel 1529, quando, durante l’assedio spagnolo, l’artista si nascose qui per tre mesi. Sulle pareti del ‘loculo’ di 7 metri per 2, Michelangelo si intrattenne disegnando bozzetti, uno dei quali raffigura la testa del Laooconte appena scoperto a Roma. Alcune di queste figure costituiscono veri e propri studi per le successive opere del maestro.

 

La stanza è stata scoperta nel 1975 ma non è mai stata aperta al pubblico perché la scala posta sotto la Sacrestia Nuova è troppo stretta per essere a norma di legge. I disegni saranno ora visibili virtualmente, grazie a un sistema touchscreen con immagini e 31 videoclip che permetterà di creare un percorso personalizzato alla scoperta delle meraviglie dell’artista. L’iniziativa fa parte del progetto multimediale “Michelangelo a Firenze”, che interessa anche Casa Buonarroti, l’Opera di Santa Maria del Fiore, la Biblioteca Medicea Laurenziana, Palazzo Vecchio, il piazzale e la Basilica di Santa Croce, Museo Nazionale del Bargello, Galleria dell’Accademia e – per l’appunto – la Sacrestia Nuova del complesso monumentale di San Lorenzo.

 

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *