IL 25 LUGLIO 1473 NASCEVA MADDALENA DE’ MEDICI, LA PREDILETTA DEL MAGNIFICO

Bruttina, malinconica, sfortunata in amore. Quella di Maddalena, figlia prediletta di Lorenzo il Magnifico, non fu una vita molto felice. Eppure le consolazioni non le mancarono: possedeva uno dei codici miniati più preziosi del tempo e, negli ultimi anni della sua vita, divenne una donna estremamente potente. Per festeggiare il suo compleanno ripercorriamo le travagliate vicende di Maddalena de’ Medici, nata il 25 luglio di 540 anni fa. Ma prima di iniziare, diamo uno sguardo al video realizzato in occasione della mostra “Magnifici tre. I libri-gioiello di Lorenzo de’ Medici” che ci presenta la fanciulla e il suo celebre codice miniato.

Maddalena era la figlia prediletta di Lorenzo il Magnifico e Clarice Orsini («quella fanciulla ch’era un occhio del capo suo», scrisse Lorenzo alludendo a Maddalena e sua madre). Cagionevole di salute, la giovane era di carattere chiuso e malinconico, addolcito da un temperamento affettuoso simile a quello di Clarice. Quando nel 1484 Giovanni Battista Cybo divenne papa con il nome di Innocenzo VIII, Lorenzo si propose di rinsaldare i rapporti con lo Stato della Chiesa, anche per garantire una carriera ecclesiastica al figlio Giovanni. Dopo alcuni anni di trattative, il papa acconsentì alle richieste del Magnifico, ma in cambio ottenne che il figlio naturale Franceschetto potesse sposare proprio Maddalena.

Lorenzo sapeva che queste nozze avrebbero procurato infelicità all’amata figlia: Franceschetto, di sgradevole aspetto, aveva infatti ventiquattro anni più di Maddalena ed era noto per la sua passione per il gioco, il vino e le donne. Nonostante i timori paterni, il patto nuziale fu stipulato ufficialmente nel 1487 e l’anno seguente Maddalena e Franceschetto si sposarono. Alle nozze – che permisero a Giovanni de’ Medici di diventare cardinale a soli quattordici anni – fu dedicata questa pasquinata:

Per congiunger la Medici
al figlio Franceschetto,
Innocenzo la porpora
donava a un ragazzetto.
Se è ver che il Santo Spirito
fa il papa sovrumano
in questo, il Santo Spirito
l’ha fatta da mezzano.

Fu in occasione del matrimonio che Lorenzo donò alla figlia un prezioso libro di preghiere, noto oggi come Libro d’Ore Medici-Rothschild (dal nome degli attuali proprietari). Un codice la cui legatura – oggi perduta – doveva essere particolarmente raffinata e che viene descritta con queste parole nell’inventario dei beni del Magnifico: un “libriccino di Donna, piccino, choll’asse d’oro smaltate, una Nuntiata [Annunciazione] da l’uno lato et dall’altro uno san Giovanni Battista et una santa Maria Maddalena smaltata”.

Nonostante il dono benaugurante, il matrimonio di Maddalena fu molto infelice, a causa delle infedeltà di Franceschetto, che inoltre dilapidava il patrimonio familiare nel gioco d’azzardo. Trasferitasi definitivamente a Roma, Maddalena si consolò influenzando la politica papale, anche se questo suscitò la gelosia delle sorelle e la portò a contrapporsi in particolare a Lucrezia. Morì nel 1519 all’età di quarantasei anni, pochi mesi dopo il marito.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *