MART, annunciata una grande mostra su Antonello da Messina

Antonello dove non te lo aspetti. Si svolgerà al MART di Rovereto dal 5 ottobre 2013 al 12 gennaio 2014 la mostra "Antonello da Messina", che riunirà una ventina di tavole del grande artista quattrocentesco, tra cui tre importanti prestiti assenti alla mostra romana del 2006: il "Salvator Mundi" della National Gallery di Londra, la "Madonna Benson" della National Gallery di Washington e il "Ritratto d’uomo" appena restaurato del Philadelphia Museum of Art. La mostra, curata da Ferdinando Bologna e Federico de Melis, è stata presentata ieri dal presidente del MART Franco Bernabè, dal coordinatore del Comitato scientifico Salvatore Settis e dalla direttrice Cristiana Collu che, sull'incontro tra antico e contemporaneo, ha spiegato: "Metto in gioco il dispositivo del museo, mi interessa la mescolanza perché fa parte della contemporaneità, non l’industria del consenso".

La mostra, che vede anche la collaborazione di Maria Calì e Simone Facchinetti, propone un’indagine articolata e uno sguardo originale sulla figura del grande pittore del Quattrocento e sul suo tempo, attraverso lo studio degli intrecci storico-artistici e delle controversie ancora aperte, presentati in questa sede come punti di forza attraverso i quali approfondire nuovi percorsi di interpretazione critica. Questa rilettura di Antonello da Messina non offre solo la ricerca della collocazione cronologica delle opere, l’analisi dei rapporti con i maestri a lui contemporanei, delle similitudini e delle differenze, ma è concentrata anche su una profonda analisi dell’intelligenza poetica di un artista “inumano”, come lo definì il figlio Jacobello, che ha saputo cogliere le sfumature psicologiche e le caratteristiche più intime dell’esistere.

Le opere esposte provengono dalle più importanti istituzioni culturali nazionali e internazionali come i musei della Regione Sicilia, la Galleria Borghese di Roma, i Musei Civici di Venezia, la Fundación Colección Thyssen Bornemisza di Madrid, il Philadelphia Museum of Art e il Metropolitan Museum di New York.

Per maggiori informazioni: Mart

Post consigliati
0 commenti
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *