SAN TOMMASO D’AQUINO

thomas

January 28 is the feast day of St. Thomas Aquinas, Doctor of the Church as well as one of the most influential European philosophers. Born around 1225 in Roccasecca, in the Italian county of Aquino, Thomas was sent to live and train among Benedectine monks at barely the age of 5; he remained at the Abbey of Monte Cassino until he was 13 years old, later moving to complete his education in Naples. It was there that, for the following 5 years, Thomas came across and studied the works of Aristotle, one of the main pivotal points in his philosophy and thought.

Aristotle, in fact, was mostly unknown among European thinkers of the time, his work having survived thanks only to Jewish and Arabic scholars. It was St. Thomas Aquinas himself to bring Aristotle’s to the Catholic West, “merging” his teachings with the principles of Christianity, and Plato, who was already accepted by the doctrine of the Church. Aquinas thus strived to give faith to the reason, with faith being the only way to access the truths that reason alone can’t reach.

Although initially frowned upon, Thomism was later adopted as the official doctrine of the Church.

 

 

“Thomas Aquinas”, illumination from the manuscript “Summa theologiae”, ms. 0499 (I), f. 001r, beginning of the 14th century, Bibliothèque municipale, Troyes.

 


 

Il 28 gennaio è il giorno di San Tommaso d’Aquino, dottore della Chiesa e uno dei più influenti filosofi europei. Nato attorno al 1225 a Roccasecca, nella contea laziale di Aquino, Tommaso venne mandato a vivere e studiare presso i monaci benedettini dell’Abbazia di Monte Cassino già dalla tenera età di 5 anni, dove rimase fino ai 13 anni, trasferendosi poi a Napoli per completare la propria educazione. Fu qui che, nel corso dei 5 anni successivi, Tommaso conobbe e studiò attentamente le opere di Aristotele, uno dei punti cardine nello sviluppo del suo pensiero.

Aristotele era pressoché sconosciuto ai pensatori europei del tempo: i suoi lavori sopravvissero infatti quasi unicamente grazie agli sforzi di studiosi ebrei e arabi. Fu lo stesso San Tommaso d’Aquino, quindi, a portare Aristotele all’Occidente cattolico, “unendo” i suoi insegnamenti ai principi della Cristianità e a Platone, già largamente accettato dalla dottrina della Chiesa. Tommaso invitava così a dare fede alla ragione, un pensiero in cui la fede rappresentava l’unico modo per raggiungere quelle verità a cui la sola ragione non poteva arrivare.

Nonostante sia stato inizialmente contrastato, il pensiero tomistico fu in seguito adottato dalla Chiesa come propria dottrina ufficiale.

 

 

“Tommaso d’Aquino”, miniatura tratta dal manoscritto “Summa theologiae”, ms. 0499 (I), f. 001r, inizio del XIV secolo, Bibliothèque municipale, Troyes.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *