VIAGGIO IN ITALIA: PALAZZO SCHIFANOIA A FERRARA

A partire da domani le strade di Ferrara saranno invase da oltre mille artisti e musicisti provenienti da tutto il mondo: inizia infatti il Ferrara Buskers Festival, la celebre manifestazione che da ventisei anni trasforma il volto della città-gioiello protetta dall’Unesco. Questo è il weekend giusto per riscoprire i tesori artistici del Rinascimento estense, a partire dal sorprendente Palazzo Schifanoia. Buona visita.

Tutte le immagini sono tratte da Il Palazzo Schifanoia a Ferrara (Franco Cosimo Panini Editore, collana “Mirabilia Italiae”).

Il nome di Palazzo Schifanoia, voluto da Alberto V d’Este come luogo dove i signori della città potessero “schivar la noia”, è legato a quello del duca Borso d’Este, grande mecenate, che tra il 1469 e il 1470 commissionò la decorazione del grande salone di rappresentanza noto come Salone dei Mesi.
Qui grandi autori della scuola pittorica sorta intorno alla corte estense (Cosmè Tura, Francesco del Cossa, Ercole de’ Roberti) diedero vita a un programma decorativo dove la qualità artistica si unisce alla ricchezza e alla profondità dei richiami alla cultura neoplatonica e astrologica, i cui significati hanno costituito per secoli un enigma per gli studiosi, fino a che Aby Warburg nel 1912 non ha iniziato a identificare alcune delle fonti mitiche e simboliche.
Immagini di grande fascino, in cui scene di vita cortese, aspetti del mondo contadino e personaggi mitologici convivono fianco a fianco, sovrastati dagli enigmatici Decani, figure astrologiche derivanti da divinità dell’antico Egitto.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *