1-Eva Come potevamo aprire l'appuntamento con il nostro Women's Wednesday se non con la prima donna, Eva? Il mito di Eva è stato nei secoli una pesante eredità per le donne, soprattutto nell'Europa cristiana del Medioevo; la Prima Donna è solitamente rappresentata come poco più che la tentatrice di Adamo, oltre ad essere considerata la prova (o la scusa) dell'inferiorità femminile nei confronti dell'uomo. Boccaccio, tuttavia, ci offre una descrizione di Eva insolitamente delicata: nella sua opera, l'autore loda Eva per la sua bellezza e la sua perfezione (in quanto creata da Dio con le sue stesse mani), qualità sconosciute a qualsiasi essere umano dopo di lei. Il racconto del Peccato Originale, inoltre, si concentra prevalentemente sulla gelosia del Diavolo (che qui riceve l'appellativo de "il Nemico") per la felicità di Adamo ed Eva, gelosia che lo spinge ad ingannare una donna che, seppure ingenua, non avrebbe avuto malvagie intenzioni. Nonostante l'iconografia abbia sempre ritratto il Diavolo prevalentemente con le fattezze di un serpente, è interessante notare come alcuni artisti abbiano deciso di raffigurarlo come un mostro più simile ad un drago; la parola ebraica originale, nachash (נחש‎), è infatti usata nella Bibbia per descrivere sia i serpenti che i mostri marini come il Leviatano. “Eva”, miniatura tratta dal manoscritto “Cas des nobles hommes et femmes”, ms. Français 12420, c. 6v, XV secolo, Bibliothèque Nationale de France, Département des manuscrits, Parigi.
Post consigliati
0 commenti
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *