LA SCOZIA INDIPENDENTE

Sant'Andrea

Le cronache politiche internazionali degli ultimi anni hanno avuto modo di dare sempre più spazio a numerosi movimenti indipendentisti. Ai tempi delle monarchie e delle lotte territoriali tali movimenti venivano repressi nel sangue; questa repressione non riuscì però ai sovrani d’Inghilterra durante le Guerre d’Indipendenza scozzesi a cavallo fra XII e XIV secolo. Una delle principali battaglie nel quadro di queste Guerre fu la cosiddetta battaglia di Old Byland (o di Byland Moor), svoltasi nella giornata del 14 ottobre 1322. Lo scontro, che vide uscire vincitrici le truppe di re Roberto I di Scozia, segnò un punto fondamentale nella partita verso l’indipendenza definitivamente raggiunta del 1328. Sir Thomas Gray descrisse così gli eventi successivi alla battaglia:

“Dopo Byland gli Scozzesi erano così impetuosi e i loro comandanti così coraggiosi, e gli Inglesi così intimoriti, che la situazione fra le due parti non era dissimile da quella fra una lepre di fronte a dei cani da caccia”.

La croce di Sant’Andrea Apostolo patrono di Scozia, utilizzata come simbolo nazionale fin dal XIII secolo, è tutt’ora chiaramente riconoscibile sia all’interno della bandiera nazionale Scozzese che nella Union Jack britannica.

 

“Sant’Andrea”, miniatura tratta dal “Messale di Autun”, ms. 0114 A (S136) c. 222, 1460 circa, Bibliothèque municipale, Autun.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *