Nascita di Carlo Magno

charlemagne

Il 2 aprile, secondo numerose ricostruzioni, è considerato la data di nascita di Carlo Magno: il grande Re dei Franchi e dei Longobardi, ed in seguito Imperatore del Sacro Romano Impero, che unì gran parte dell'Europa centrale ed occidentale diventando così il primo Imperatore in Occidente dopo la caduta dell'Impero Romano. In che anno, però, nacque di preciso Carlo Magno?

Nonostante esistano varie fonti differenti, l'anno esatto di nascita di Carlo Magno sembra essere pressoché impossibile da calcolare con certezza: potrebbe essere stato il 742, il 747 o il 748 d.C.. Nel 747, anno riportato nei cosiddetti Annales Pataviani, il 2 aprile sarebbe coinciso con la Pasqua: un fatto che, se vero, sarebbe stato altamente simbolico e per questo sicuramente riportato dalle fonti dell'epoca. Inoltre, entrambi gli anni andrebbero contro le fonti che attestano che la morte di Carlo Magno  sia avvenuta quando egli aveva più di 70 anni (nell'814).

L'altra opzione, quella dell'anno 742, deriva appunto da questi calcoli: se, come in molti affermano, Carlo Magno aveva più di 72 anni al momento della sua morte, la data più logica per la sua nascita sarebbe, come minimo, il 742. Quest'anno precede però il matrimonio dei suoi genitori, avvenuto nel 744: Pipino il Breve e Bertrada di Laon, infatti, sarebbero stati legati da un contratto privato (detto Friedelehe) ma non uniti legalmente. Questo supporterebbe la teoria secondo cui il futuro imperatore sarebbe stato tecnicamente un figlio illegittimo, fatto che avrebbe portato all'odio fra lui e il fratello minore Carlomanno, in quanto entrambi si consideravano unico erede legittimo del padre. Dopo la morte di Pipino nel 768, Carlo Magno e Carlomanno vennero eletti entrambi re e si spartirono il potere sul regno fino all'improvvisa morte di Carlomanno nel 771.


"Carlo Magno", miniatura tratta dal manoscritto "Grandes chroniques de France", ms. 0880 (0786), c. 092r, fine del XIV secolo, Bibliothèque Municipale, Lione.

Post consigliati
0 commenti
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *