tanaquil

Eccoci ad un nuovo appuntamento con il Women's Wednesday! L'ospite di questa settimana è Tanaquil, regina romana di origine etrusca.

Sposata con Lucumone (il cui nome significava "re" in etrusco), Tanaquil credeva che il marito avesse la stoffa del leader: per questo motivo lo convinse a trasferire la famiglia a Roma, all'epoca città di recente fondazione e per questo ancora aperta ad una aristocrazia nuova, quando non addirittura straniera. Lungo la strada verso Roma, la coppia incontrò il primo segno premonitore: un'aquila, volando sopra di loro, sfilò il cappello dalla testa di Lucumone, riportandolo però al suo posto poco dopo. Tanaquil interpretò il fatto come un segno della benevolenza degli dèi nei confronti del marito; e così fu, a quanto pare, dato che Lucumone divenne presto amico stretto del re romano del tempo, Anco Marzio. Alla sua morte, dato che i figli erano ancora troppo giovani per regnare, Lucumone venne eletto come nuovo re con il nome di Tarquinio Prisco, quinto re di Roma. Tanaquil stessa, secondo i costumi romani, assunse il nome latino di Gaia Cecilia (a volte trascritto come Caia Cirilla, nome usato dallo stesso Boccaccio).

Quando Tarquinio morì, assassinato dai figli di Marzio, Tanaquil insabbiò il fatto sostenendo che il re fosse stato semplicemente ferito. Approfittando della confusione, la regina riuscì a far designare come reggente il figlio adottivo, Servio Tullio, finché Tarquinio non fosse guarito; solo dopo aver guadagnato la piena fiducia e il rispetto del popolo, Servio e Tanaquil ufficializzarono la morte di Tarquinio Prisco.


“Caia Cirilla”, miniatura tratta dal manoscritto “De Mulieribus Claris”, decorato da Robinet Testard, ms. Français 599, c. 41v, 1488-1496, Bibliothèque nationale de France, Département des Manuscrits, Parigi.

Post consigliati
0 commenti
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *