Pensate di non andare d’accordo con i vostri parenti? Leggete la storia di Berenice e vi riterrete probabilmente fortunati! Questa settimana infatti vogliamo presentarvi le tristi vicende della regina di Cappadocia, nota anche come Laodice, avversata dal fratello Mitridate VI ed elogiata da Boccaccio per la sua audacia, la sua intelligenza e la sua forza d’animo.

Figlia di Mitridate V, re del Ponto, sposò Ariarate VI, re di Cappadocia, facendo così cessare le ostilità tra i due regni. Ben presto, tuttavia, Ariarate cominciò a volersi rendere sempre più indipendente e ciò non fu gradito da Mitridate VI, succeduto al padre dopo la sua morte. Da bravo fratello, il nuovo re del Ponto pensò quindi di complottare con Cordio, membro della corte di Ariarate, per assassinare il marito della sorella.

In seguito alla congiura, la sitazione sembrò inizialmente stabile: Berenice divenne regina reggente del suo primogenito, il giovane Ariarate VII, e riuscì a preservare il regno dall’invasione del re della Bitinia, Nicomede III, rendendolo suo sposo. Ancora una volta, tuttavia, fu suo fratello Mitridate a destabilizzare il tutto: venuto a sapere del matrimonio, cacciò Nicomede dalla Cappadocia e riportò il nipote Ariarate sul trono, diventandone il tutore. Questa scelta fu però prontamente ritrattata e Mitridate ordinò che il giovane re fosse ucciso insieme al fratello Ariarate VIII, suo successore.

Dilaniata dal dolore per la morte dei figli, Berenice prese le armi senza paura e partì alla ricerca di Cineo, il cortigiano che aveva perpetrato il delitto. Non riuscendo a ucciderlo con la lancia, lo atterrò con un sasso e, in preda all’ira, lo investì con il proprio carro. Dopodiché, si allontanò temerariamente in una nuvola di frecce nemiche, raggiunse il luogo dove si trovava il corpo del figlio minore e celebrò il suo funerale.


“Berenice”, miniatura tratta dal manoscritto “Cas des nobles hommes et femmes”, ms. Français 12420, f. 110r, 1401-1500, Bibliothèque Nationale de France, Département des Manuscrits, Parigi.

Post consigliati
0 commenti
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *